La Romagna in tavola, ma in mosaico

Fate un giro in Romagna, la terra del mattarello, del cappelletto, della pasta ripiena. Fate un salto a Ravenna, la capitale del mosaico. Unite gli ingredienti e otterrete un ricettario in tre dimensioni, che non si sfoglia ma si percorre a tappe e si osserva. Silvia Naddeo lo ha chiamato “Ricetta n.7: Cappelletti all’uso di Romagna”. La […]

Continua a leggere

Bomboloni da appendere. L’inganno delle ceramiche di Ermes Ricci

Il rischio di dargli un morso è alto. E il pericolo di perdere un dente nel farlo, pure. Cadere nel tranello delle ceramiche di Ermes Ricci è facile. Perché la materia con cui lui crea i suoi bellissimi piatti, a un certo punto sembra trasformarsi in altro, perdendo la solidità per ammorbidirsi, farsi croccante, golosa, […]

Continua a leggere

Quegli insetti sul quadro e nel menù

I grilli. Chi li ha assaggiati giura che sanno di gamberetti. Poi sono arrivate le aziende che, spinte dal più bizzarro dei venti culinari, li hanno trasformati in farina. E i bachi da seta pare non siano da meno: ideali per farne la base per il panettone. L’entomofagia da tabù diventa un business da tavola […]

Continua a leggere

Ci vediamo alla Milano Food Week

Vi abbiamo mai raccontato com’è nato Olio su Tela? E’ partito da un corso universitario di Content management all’università di Urbino. Durante il corso è nato un team con l’obiettivo di creare un blog che avesse senso di esistere, pur trattando un tema estremamente inflazionato come quello del cibo. Nel mare magnum popolato da foodblogger e ricettari vari, […]

Continua a leggere

Food photographer per caso. To the Roots e la foto che ha colpito i critici

C’è chi lo fa per professione, chi ambisce a diventarlo e chi invece ci si ritrova un po’ per caso. Chiamatela pure food photographer, ma difficilmente si volterà. Lei è Anna Maria Fabbri, ravennate, nuova protagonista delle interviste che noi di Olio su Tela abbiamo deciso di dedicare agli artisti selezionati dalla prima edizione di Foodgraphia, la mostra che si […]

Continua a leggere

La cipolla di Marina Abramovic, un invito a piangere di più

  Non si gioca col cibo. Quante volte ve l’hanno ripetuto da piccoli? Eppure in quei comportamenti infantili che contemplano la manipolazione e la “tortura” delle pietanze c’è qualcosa che rimanda a un rapporto antico, archetipico, che lega la mente al corpo attraverso la materia. E che – pensateci bene – viene puntualmente represso in […]

Continua a leggere

Il suono della lasagna di Massimo Bottura: il cibo diventa un concerto

“And how does that make you feel?” Massimo Bottura lo sussurra all’orecchio elettronico di un manichino di quelli stile crash test. Fra i suoi denti scrocchia la corsticina di una lasagna, impiattata al termine di una procedura che ha a che fare più con la chimica che coi fornelli. Vorresti esserci tu seduto al tavolino apparecchiato. […]

Continua a leggere

Merda: l’opera e il paradosso della digestione

MèrdRe! MèrdRe! MèrdRe! Iniziava così l’Ubu Re di Alfred Jarry, calcando l’esclamazione francese con un accento e una R di troppo. Era l’inno del teatro dell’assurdo. E di assurdo qui parliamo, con un paradosso: anche la merda (perdonate il francesismo) diventa arte, oro, oggetto di aste record. L’alchimia c’entra ben poco. Qui siamo alla dissacrazione più […]

Continua a leggere