Food Photography – intervista a Valeria Valdambrini

Bentrovati nella rubrica dedicata alla Food photography.

Facciamo un breve passo indietro, di cosa parliamo? E’ l’ultima tendenza del mondo della fotografia specializzata in cibo, che ha lo scopo di rendere l’immagine “appetibile” grazie a un certo numero di accorgimenti tecnici e visuali, volti a rendere pietanze e cibi allettanti e invitanti, attivando gli apparati sensoriali del gusto e della vista.

Il cibo si mette in posa e dopo il click, il risultato è eccezionale, scatenando nell’osservatore sensazioni, dolcezza, calore e freschezza.

Facendo riferimento a una specifica corrente artistica, la food photography potrebbe trovare le sue origini nel concetto dello still-life – natura morta in italiano – ossia la raffigurazione di oggetti inanimati, dove centrali sono la composizione, la luce, l’attenzione ai dettagli e la disposizione degli oggetti in scena. (da griglieroventi.com)

still_life_of_flowers_fruit_shells_and_insects_by_balthasar_van_der_ast-bma
Google immagini “Still life

Ma andando oltre la pittura, oggi potrebbe sembrare banale che il cibo, una delle cose che più è presente nelle nostre vite, in particolar modo quella degli italiani, sia il soggetto principale di centinaia di fotografi, riviste e blog.

E’ proprio in quest’era digitale che la Food Photography raggiunge un enorme successo grazie al potere dei social network e la diffusione dei food blog, dove il veicolo di comunicazione più espressivo sono le immagini.

Questo ci fa capire quanto importante sia l’aspetto visivo nel Web e quindi quanto sia fondamentale dedicargli la giusta attenzione. Il cibo allora, non ha più soltanto come obiettivo di essere buono ma anche di sembrare bello.

Siamo in Italia, dove la “Food Ph” sta emergendo grazie ai blog, pagine Facebook, canali YouTube di cucina, cake design e ricette.
Una delle esponenti della scena italiana è Valeria Valdambrini che racconta delle sue ricette nel “dolcissimo” blog  Torte delle mie bramecontando più di 7.000 seguaci sulla sua pagina Facebook e altrettanti nei vari canali social.

valeria1-1
Valeria Valdambrini – “Torte delle mie brame

Mamma impegnatissima appassionata di dolci e fotografia, il suo non è solo un diario che raccoglie ricette squisite e facili da realizzare, ma è una vera e propria galleria di fotografie a regola Food Photographer.

Muffin al cioccolato appena sfornati, una crostata di albicocche dal bordo croccante, delle ciambelline glassate su un piatto di porcellana, il tutto inserito in una scenografia soft-rustica fatta di oggetti di legno e stoffe colorate.

ciambelline-alla-ricotta-3-683x1024
da Torte delle mie brame

Questa è la Food photography del blog di Valeria, che scopriamo insieme a lei in questa intervista (17 – 01 – 2017).

  • Parlaci di te!
    “Sono mamma di due bambine ma sono anche un avvocato ed ho un blog di soli dolci perchè in realtà sono una gran golosona e sono da sempre appassionata di dolci, fin da quando ero piccola. Ora mi divido tra la passione per la food photography, il lavoro e la famiglia.”
ciambella-alle-mele-con-crumble-1.2.jpg
da Torte delle mie brame
  • Da cosa nasce la passione per la Food Photography?
    “Qualche anno fa, navigando in rete, ho visto dei bellissimi blog con foto stupende. Me ne sono subito innamorata ed ho deciso di provarci pure io. Non sapevo quanto impegno e studio richiedesse la Food photography, ma ogni volta che posso scattare e provare cose nuove per me è fonte di gioia.”

muffins-al-cioccolato-3-1160x653.jpg
da Torte delle mie brame
  • Quando nasce il tuo blog e di cosa tratta?
    “Ho aperto il blog circa tre anni fa. Sono appassionata di pasticceria in tutte le sue declinazioni, dal cake design ai dolci della nostra tradizione e sul blog condivido con i miei lettori le ricette e le foto delle mie creazioni.”
16122014_10154430297452832_385712837_o
da Torte delle mie brame
  • Quando nasce e perché, l’idea di creare un gruppo Facebook Food Ph?
    “Con le mie amiche blogger Angelina Ti e Stefania Casali, abbiamo notato l’assenza di un gruppo italiano che parlasse della Food photography da un punto di vista didattico, che permettesse agli utenti di crescere e confrontarsi. Noi tre abbiamo una idea comune che è quella della condivisione del sapere, per cui abbiamo messo a disposizione le nostre esperienze con l’intenzione di scambiare con altri Food photographer informazioni, pareri e conoscenze.”
torta-soffice-pesche-panna-montata5.jpg
da Torte delle mie brame
  • Qual è il cibo più “fotogenico” per creare un buono scatto a regola Food Ph?
    “I dolci in genere sono molto fotogenici, mentre altri cibi sono più difficili da fotografare come ad esempio i risotti o gli spezzatini di carne. Per creare un buono scatto prima di tutto occorre avere un po’ di padronanza della macchina fotografica, che deve essere impostata in relazione alle condizioni di luce in cui ci troviamo, la luce per la fotografia è tutto e la food photography non fa eccezione.”

pull-apart-brioche-3.2-1160x1740.jpg
da Torte delle mie brame
  • Quali sono le regole della Food Ph?
    “Nella Food photography sono privilegiati gli scatti con cibo curato, colori brillanti e set armoniosi per cui indispensabile è usare in modo corretto la luce, bilanciare il bianco, tenere iso bassi, per quanto possibile, in modo da avere scatti nitidi ed usare oggetti di scena che consentano di esaltare il cibo protagonista del nostro scatto e non relegarlo in secondo piano.”

montersino2-5
da Torte delle mie brame

 

  • Quali oggetti utilizzare per la scenografia?
    “L’allestimento del set dipende molto dal gusto personale del fotografo, c’è chi usa molti oggetti di scena e c’è chi si limita a fotografare quasi esclusivamente il cibo. In genere si usano oggetti da cucina, piatti, stoviglie e posate, canovacci e tessuti vari per creare l’atmosfera desiderata.”

    16121666_10154430298892832_1295422316_o
    da Torte delle mie brame


  • Consigli tecnici per fare foto professionali anche in casa?
    “Per la Food photography l’attrezzatura indispensabile per fare foto di un certo livello comprende senza dubbio una reflex (volendo anche una usata o entry level se si è principianti), un cavalletto ed un obiettivo quanto più possibile luminoso e nitido. La luce naturale è quella più semplice da usare ma è possibile usare anche luci artificiali specifiche per la fotografia con cui poter scattare anche quando non è possibile usare la luce naturale.”

    plumcake-al-limone1.jpg
    da Torte delle mie brame
  • Hai un Food Photographer preferito?
    “Uno dei primi food photographer che ho apprezzato è il famosissimo Con Poulos, fotografo di Donna Hay, ma mi piacciono molto anche Laura Field e Matt Armendariz.”

    plumcake-alle-pesche-e-cocco-1
    da Torte delle mie brame
    rotolo-al-cioccolato-con-panna-e-fragole-5-2-1160x1740
    da Torte delle mie brame
    scones-8-1-1160x1740
    da Torte delle mie brame
    whoopie-pies-al-vov4-2
    da Torte delle mie brame


    di Irene Bordoni

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...