La critica al consumismo che passa dal cibo – Claes Oldenburg

Andiamo con ordine: chi è Claes Oldenburg? 

Claes Oldenburg è un artista svedese che nasce nel 1929 e che, insieme a sua moglie Coosje van Bruggen, è stato parte di quella grande corrente artistica che prende il nome di pop art.

È del ’29 appunto, non proprio un anno solitamente ricordato come uno dei migliori della storia. Tuttavia, se la sua nascita combacia con la Grande Depressione, il periodo in cui Oldenburg sviluppa gran parte delle sue opere, al contrario, è contraddistinto da grandi boom economici in tutto il mondo ed espansioni di produzione e consumi.

Nonostante, infatti, le origini della cosiddetta “società dei consumi” siano da ricercare ben prima del secondo dopoguerra, è vero anche che è possibile individuare in quel periodo il maggior sviluppo dell’idea di “consumismo”, criticata aspramente dalle numerose teorie sociologiche ed economiche dell’epoca.

Questo contesto influenza prepotentemente Oldenburg che fa della critica al consumismo (prevalentemente nella società americana, ma non solo) l’elemento fondante di una grossa parte delle sue opere.

Come lo fa?  La maggior parte delle volte riproducendo cibi in formato gigante.

Ma giganti davvero, come per esempio un cono gelato di 12 metri “spappolato” sopra il tetto della Neumarkt Galerie di Colonia…

Neumarkt-Galerie,_Köln_mit_Skulptur_Dropped_Cone_-_Claes_Oldenburg_und_Coosje_van_Bruggen-8364.jpg
Dropped cone

…o magari una ciotola distrutta che, con i suoi cocci e pezzi di frutta, ricopre un’area di circa 28×32 metri di un parco a Miami.

2.jpg
Dropped Bowl with Scattered Slices and Peels

A volte si accontenta anche di qualcosa di un po’ più piccolo però. Anche un hamburger di “soli” 2 metri è sufficiente ad Oldenburg per fare arrivare il suo messaggio.

3.jpg
Floor Burger

Perchè parlare di Oldenburg su Olio su tela? Perchè nonostante l’artista si sia dedicato anche ad altro nel corso della sua carriera, lasciando messaggi anche molto diversi (soprattutto nelle opere realizzate insieme a Coosje van Bruggen), Oldenburg mostra quanto si possa comunicare attraverso il cibo.

Non è un caso infatti che, per lanciare i suoi messaggi di critica verso una società basata su un consumismo esagerato, il più delle volte l’artista sia finito con l’utilizzare degli alimenti come soggetti del messaggio.

2002-255a-s_oldenburg_imageprimacy_compressed_800
Giant BLT (Bacon, Lettuce and Tomato Sandwich)

 

Il consumismo può essere rappresentato in tantissimi modi: un paio di scarpe, un’auto, oggi forse uno smartphone. Tuttavia, Oldenburg ricade spesso su un gelato, una torta, un hamburger per fare arrivare il messaggio. E se ci pensiamo, tra le sue opere è forse proprio l’hamburger quello che riesce a colpirci e a rendere subito chiara l’idea dell’artista, nella maniera più efficace e diretta possibile.

La critica al consumismo di Oldenburg si sviluppa anche attraverso la realizzazione di altri oggetti, ma risulta decisamente più d’impatto quando è veicolata attraverso un qualche alimento. E l’artista svedese non è di certo un caso isolato quando si tratta di “cibo che parla”, basti pensare ai tanti artisti che si sono cimentati in tecniche simili.

Ancora oggi osservando un qualsiasi volantino, un’immagine o un semplice post su facebook sul tema, noteremo che la maggioranza dei brand considerati simbolo del consumismo appartiene al settore del cibo, delle bevande o dei ristoranti fast food (a proposito dell’hamburger).

img_2151-3
Two Cheesebrugers, with Everything – Il messaggio è forte già nel nome di quest’opera

Il cibo, oggi come ieri, ricopre un ruolo che va ben oltre quello di soddisfare un bisogno di prima necessità. È sempre un soggetto di comunicazione, un mezzo attraverso il quale lanciare un messaggio agli altri.

Dalla scelta di quali alimenti evitare,  alle mode che riguardano diete e scelte alimentari; dal boicottaggio di determinati brand alla scelta del piatto da consumare, non è mai una sola questione di gusto, ma una comunicazione identitaria, politica e sociale. E questo Oldenburg lo dimostra “enormemente” bene.

di Davide Pari


fonti:

http://www.oldenburgvanbruggen.com/

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/b/bf/PikiWiki_Israel_19474_quot%3BApple_Corequot%3B_in_Israel_Museum_Jerusalem.JPG

https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/7/78/Neumarkt-Galerie,_K%C3%B6ln_mit_Skulptur_Dropped_Cone_-_Claes_Oldenburg_und_Coosje_van_Bruggen-8364.jpg

https://c2.staticflickr.com/4/3108/3253940873_34e5c1955d_b.jpg

http://foodoncanvas.eu/wp-content/uploads/2015/11/slide_289535_2288765_free.jpg

http://ostimusic.com/images/blogpic/IMG_2151.jpg

 

 

5 thoughts on “La critica al consumismo che passa dal cibo – Claes Oldenburg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...